Blog

Alcuni

Ci sono alcuni miti comuni quando si tratta di giornalismo investigativo. Visualizza il sito dell’editore su questo qui. Alcuni ritengono che la carriera sia molto affascinante perché vedono giornalisti investigativi in TV. La verità è che il giornalista investigativo conduce una vita dura e il loro lavoro è a volte umido e pericoloso a volte.
Si pensa che i giornalisti siano più grandi delle storie che riportano. Il giornalismo investigativo è un servizio che il giornalista fa per il pubblico e non è fatto per il loro ego. Essere un giornalista investigativo non ti permette di ostentare i tuoi standard etici.
Quando vedi i film noterai che il giornalista investigativo lavora da solo. Tuttavia, questo non è il caso in realtà. Un giornalista investigativo non può funzionare se non ha la sua squadra a lavorare con lui.
Si ritiene che il giornalismo investigativo sia guidato principalmente dai media privati. Questo può essere vero in parte, ma potreste aver visto dove i media che erano di proprietà del governo sono andati contro il governo e hanno portato avanti alcune indagini rivoluzionarie.
I giornalisti investigativi portano solo cattive notizie, ma anche questo è un mito. La priorità di coloro che servono come giornalisti investigativi è quella di correggere il male scoprendoli.

Il giornalista investigativo può anche lavorare per scoprire qualsiasi notizia positiva.
La segnalazione investigativa significa solo una buona segnalazione? Questo deriva dal punto di vista tradizionale dei giornalisti come cane da guardia. Il loro ruolo è quello di fiutare qualcosa che va storto e puntare il dito contro coloro che sono da biasimare. Questa è una parte del loro ruolo.