Blog

Starvegas torna sul mercato con le Sibille

Starvegas torna sul mercato con le Sibille

Posted on 5 luglio 2016 by gruppodellozuccherificio

internosibille3

Poche settimane fa si è chiusa la requisitoria del Pm Caleca nel processo “Black Monkey”, che vede imputati personaggi di un’organizzazione che creava guadagni con il gioco d’azzardo illegale, Ci sono molti tipi di gioco d’azzardo che sono classificati come illegali. Questi includono lotterie, lotteria, poker, gioco d’azzardo da casinò, giochi di dadi e le macchine video. Alcuni stati regolano ogni forma di gioco d’azzardo. Ci sono altri che vietano alcune forme di gioco d’azzardo e consentono ad altri. Se il gioco d’azzardo illegale viene effettuato come un business qui allora questo è considerato un crimine.coinvolgendo anche esponenti vicini alla ‘ndrangheta. Nicola Femia, detto “Rocco”, ritenuto a capo dell’organizzazione, ha ricevuto la richiesta di condanna più alta cioè 24 anni e sei mesi. Tra i 14 imputati ai quali è contestata l’associazione mafiosa figurano i figli Rocco Maria Nicola (19 anni e sei mesi) e Guendalina (14anni) e il genero Giannalberto Campagna (15anni), mentre l’ex ispettore di polizia Rosario Romeo (12 anni) e Guido Torello, l’uomo della telefonata con Femia su Tizian (10 anni), dovranno rispondere di concorso esterno.
Tuttavia, nei mesi passati dagli arresti del gennaio 2013 ad oggi, le attività della famiglia non sono mai terminate. Dopo aver bloccato l’azienda “Starvegas di Guendalina Femia”, grazie all’intervento dei Comuni della Bassa Romagna e ad un’interdittiva prefettizia antimafia, è nata la “Starvegas S.R.L.S.”. Questa nuova azienda, al momento della costituzione amministrata da Ioan Roxana Gabriela (compagna del giovane Rocco Maria Nicola Femia) in qualità di socia ed amministratrice unica, oltre al nome e all’oggetto sociale, condivideva con la già nota “Starvegas di Guendalina Femia” la medesima sede legale sita a Conselice.
A seguito delle denunce emerse da queste coincidenze, la Stavergas S.R.L.S. ha visto poi cambiare velocemente sede legale e attualmente si trova iscritta presso la Camera di commercio di Milano, seppure la sede operativa sia sempre rimasta a Lugo e alle attività sul territorio romagnolo abbia continuato a collaborare la stessa Guendalina Femia.
Tutto ciò non pare abbia scalfito l’attività imprenditoriale della Starvegas, anzi. È recentissimo il lancio e la pubblicizzazione sui siti di settore di un nuovo prodotto: “SIBILLE è una slot conforme all’art.110 comma 6/A TULPS con 10 linee di vincita, bet massimo a 3 euro, multibonus e free spin. Si tratta di un prodotto di sicuro successo, i primi dati di incasso lo dimostrano. Il gioco si basa sulla tecnologia e sulla esperienza maturata nel tempo dalle aziende che hanno avviato il progetto, STARVEGAS e NAZIONALE ELETTRONICA, infatti, hanno voluto per SIBILLE il più performante motore di pagamento.”
Nazionale Elettronica, la partner di Starvegas in questa nuova innovazione, è un’azienda storica romagnola di proprietà di una holding che vede soci di maggioranza la famiglia Terrabusi, leader nel settore del gioco con “Romagna Giochi” e Terrybell. La sua attività principale è la “produzione e commercio all’ingrosso di schede elettroniche per apparecchi di intrattenimento”.
A questo punto preoccupa, e non poco, il fatto che un gruppo imprenditoriale romagnolo, abbia aderito ad un progetto commerciale al fianco di una società con questa storia alle spalle, permettendone un rilancio delle attività anche sul nostro territorio, che la Starvegas aveva deciso, almeno formalmente, di abbandonare qualche mese fa.

Topics #featured