Blog

Verso il 21 marzo

Il giornalista Giuseppe Baldessarro a Ravenna
Postato il 1 marzo 2019 di gruppodellozuccherificio

Il Gruppo Dello Zuccherificio partecipa al percorso verso il 21 marzo e sostiene Libera Ravenna nel cammino che porta alla XXIV Giornata della Memoria e dell’Impegno – Ravenna

Venerdì 15 marzo, in collaborazione con il DOCK 61 e Villaggio Globale – Ravenna abbiamo il piacere di invitarvi ad una serata all’insegna dell’informazione con Giuseppe Baldessarro, giornalista de la Repubblica, ex direttore di Narcomafie ed esperto di organizzazioni criminali.
Baldessarro farà il punto sulla situazione delle mafie in Emilia Romagna e ci presenterà il suo ultimo libro “Questione di Rispetto” ( Rubbettino Editore), la storia del nostro caro Gaetano Saffioti imprenditore e testimone di giustizia.

La serata si svolgerà c/o il Circolo Arci DOCK 61 in via Magazzini Posteriori, 61 – Ravenna.
Il programma
Ore 19.30 – Aperitivo con i prodotti di Libera Terra a cura di Villaggio Globale – Ravenna
Su prenotazione
Tel 3389860464 Marzia
Mail magaveronik@gmail.com Veronica
Ore 20.45 – Il Gruppo Dello Zuccherificio intervista Giuseppe Baldessarro

L’ospite.
Giuseppe Baldessarro (Locri 1967), giornalista professionista, è profondo conoscitore delle dinamiche delle organizzazioni criminali; dal 2005 scrive per «la Repubblica». In generale, la criminalità ha fatto il suo ingresso in diverse regioni a diversi livelli. Le dinamiche del crimine sono molteplici. Dipende da fattori socioeconomici. Questa è una teoria piuttosto complessa. A seconda dell’attacco terroristico, delle bande mafiose e della criminalità organizzata; la dinamica differisce in una vasta gamma. Ecco un collegamento che reindirizza verso la più grande organizzazione di criminalità dinamica che è davvero considerato come più bonus per il giornalista in erba nel campo delle dinamiche delle organizzazioni criminali. Le organizzazioni criminali non sono altro che gli individui che si raggruppano e coinvolgono nelle attività criminali.È stato redattore del «Quotidiano della Calabria»; consulente dei programmi Pane e politica, W l’Italia in diretta e Presa diretta di Riccardo Iacona su Rai Tre e Malpelo di Alessandro Sortino su La7; nel 2015 ha curato la direzione editoriale del periodico d’informazione antimafia «Narcomafie». È autore con Manuela Iatì di Avvelenati (2010) e con Gianluca Ursini del Caso Fallara (2013), coautore del Dem-Dizionario enciclopedico delle mafie in Italia (2013) e del volume Io non taccio (2015) vincitore del premio “Piersanti Mattarella” (2016). Tra gli altri riconoscimenti ricevuti per l’attività giornalistica e di autore di libri inchiesta, ricordiamo i premi: “pippo Fava” (2010), “Borsellino” (2011), “Agende Rosse” (2011) e “Matita rossa matita blu” (2011)