Blog

Potenza e cancro alla prostata – Una guida completa alla salute

La voglia di urinare frequentemente di notte potrebbe sembrare un problema comune.  Tuttavia, quando è accoppiato con alcuni altri fattori, potrebbe essere il punto di partenza di un problema serio che presentiamo di seguito:

Sintomi del cancro alla prostata: 

Come abbiamo detto sopra, se la sensazione di svuotare la vescica spesso si blocca con uno o più dei seguenti, è necessario consultare il proprio medico:

1.Sensazione di bruciore o dolore durante la minizone

2.Sanguinamento nelle urine

3.Leggero inizio della disfunzione erettile

4.Trovare difficile in una postura seduta

5.Cambiamento nelle abitudini intestinali

6.Dolore alla schiena, cosce

Ignorare il dolore continuo e la formazione di liquidi nelle gambe è un’indicazione che il cancro ha iniziato a diffondersi oltre la ghiandola prostatica.  Dai un’occhiata a questo sito e ottieni un elenco di passi guida da intraprendere.

Cosa farebbe il medico?

Quando ti avvicini al tuo medico, normalmente suggerirebbe i seguenti passaggi:

Controllava la ricerca di tumori e scopriva le loro dimensioni e se è piccolo, normalmente si raccomanda un periodo di attesa.  Questo per accertare quanto velocemente il tumore cresce e se la diffusione è a un ritmo più lento, allora un intervento chirurgico potrebbe non essere necessario.  Tuttavia i test verrebbero effettuati a intervalli regolari per monitorare da vicino la crescita di esso.  Controlla questo articolo per suggerimenti utili sui metodi di trattamento.

Poiché il trattamento chirurgico a volte può causare disfunzione erettile, l’età del paziente è un fattore cruciale da considerare.  Per gli uomini anziani, la rimozione della prostata sarebbe l’opzione più sicura.

Se il tumore sta causando ulteriori problemi di salute, allora ci sono scelte di trattamento a seconda dei fattori sopra menzionati.

Opzioni di trattamento:

Chirurgia: Nel caso in cui il tumore sia canceroso, i medici di solito rimuovono la ghiandola prostatica e i tessuti che la circondano.  Dopo l’intervento chirurgico la maggior parte dei problemi come il dolore, l’incapacità di controllare l’urina ecc. Sarebbero naturalmente risolti.  Tuttavia la disfunzione erettile potrebbe essere un nuovo effetto collaterale a causa di questo.

Radiazioni: Nel caso in cui il cancro non si sia diffuso molto oltre la prostata ed è solo al livello iniziale, le radiazioni sarebbero sufficienti per trattare le cellule.  Anche nel caso in cui il cancro si sia diffuso alle ossa, dopo l’intervento chirurgico, le radiazioni vengono somministrate ai pazienti per uccidere le tracce rimanenti di cellule cancerose.  Ci sono anche tipi di radiazioni come la radiazione a fascio di protoni e il medico deciderà la tecnologia da utilizzare.