De Simone e Marescotti sono i premi “Honoris Causa”

Alessandro Marescotti

Amalia De Simone e Alessandro Marescotti sono i vincitori del premio “Honoris Causa” per il giornalisto d’inchiesta assegnato domenica 22 giugno a Ravenna all’interno del “Grido Della Farfalla“.  Abbiamo il piacere di pubblicare i ringraziamenti arrivati dai due vincitori.

Amalia De Simone:

“Cari amici sono all’estero… per questo motivo non posso ritirare il premio oggi. Vi chiedo scusa. Non potevo immaginare che avrei ricevuto una sorpresa così bella altrimenti non avrei preso l’impegno che mi impedisce di essere con voi.

Innanzitutto voglio dirvi grazie. Grazie agli organizzatori del premio, al gruppo dello zuccherificio, alla giuria, composta da colleghi che stimo moltissimo e per questo motivo sono ancora più orgogliosa di questo riconoscimento. So che quella di oggi è una occasione importante per parlare di giornalismo d’inchiesta, un lavoro che spesso si trasforma anche in percorso di vita o di impegno civile. E’ una bella scelta anche se oggi non è facile soprattutto per chi è precario o free lance. Qualche volta prima della pubblicazione del lavoro la notte non si dorme pensando ai guai che potrebbero arrivare che non sono necessariamente le intimidazioni nella forma che tutti possono immaginare. Ho sempre pensato che la libertà di ognuno di noi dipenda anche dalla conoscenza dei fatti e delle storie e nel mio piccolo cerco di mettermi al servizio di questo principio. Quando ho saputo di questo premio sono stata felice. Non tanto per il riconoscimento in sè ma perché mi sono sentita parte di una comunità di colleghi e persone che sono un autentico esempio per l’informazione e la conoscenza dei fatti, ognuno nel suo settore, come i componenti della giuria dei quali conosco bene il lavoro e la passione degli attivisti del gruppo dello zuccherificio. Un lavoro importante che senza clamore ma nella eroica normalità scava nella roccia.

Accetto volentieri l’invito a venire a Ravenna per incontrare i ragazzi nelle scuole: questa occasione è per me un premio ulteriore dal quale so che tornerò più ricca e più viva. “

Alessandro Marescotti:

“Dedico questo riconoscimento ai peacelinkers, ossia a tutti i redattori disseminati per l’Italia che hanno fatto di PeaceLink un sito di oltre quarantamila pagine web. Senza questo vasto e continuativo lavoro di squadra, PeaceLink non avrebbe mai inciso nel panorama informativo italiano come voce libera, indipendente e fuori dal coro.

Ad oggi sono esattamente 40.281 gli articoli scritti dalla redazione di PeaceLink, mentre un numero ancora superiore e’ stato generato come pagine web dagli utenti delle varie mailing list che, sulle varie tematiche, segnalano quotidianamente informazioni sulle questioni piu’ svariate: le loro email generano in automatico pagine su Internet dotate di un loro indirizzo web.

PeaceLink, rete telematica nata nel 1991 sui temi della pace e della cittadinanza attiva, e’ oggi impegnata in un difficile e complesso lavoro di denuncia e di inchiesta sulle questioni piu’ scottanti, che vanno dagli armamenti all’inquinamento industriale, dalla solidarieta’ internazionale con le popolazioni colpite dalla poverta’ e lo sfruttamento all’educazione alla pace, dai conflitti dei ‘senza voce’ alla manipolazione dell’informazione di guerra. Recentemente ci stiamo specializzando nell’interlocuzione con la Commissione Europea per segnalare “dal basso” la violazione delle direttive comunitarie, ponendo attenzione alla ricerca delle migliori pratiche per la riconversione etica, ecologica e solidale del modello di sviluppo.

PeaceLink e’ diventata il centro di raccolta e valutazione di molte segnalazioni “scomode” ed e’ assistita da esperti che volontariamente prestano la loro consulenza per rendere l’informazione di PeaceLink attendibile, scientificamente solida e giuridicamente inattaccabile.

Nella redazione di PeaceLink vi sono traduttori, giornalisti, fotografi, mediattivisti, autori di libri. Con una web-tv online seguiamo eventi e organizziamo convegni che possono essere visti in tutt’Italia tramite smartphone, tablet o computer. 

Pertanto il premio che ritirero’ a Ravenna e’ un riconoscimento a tutta la rete di volontari che quotidianamente, con dedizione e nello spirito del volontariato, intersecano competenze tecniche e culturali per rendere efficace la “comunicazione dei cittadini”

Potete trovare i vincitori delle altre categorie e tutte le motivazioni a questo link.

 


2 thoughts on “De Simone e Marescotti sono i premi “Honoris Causa”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...