I vincitori del V premio “Gruppo dello Zuccherificio per il giornalismo d’inchiesta”


premioMercoledì
31 agosto i giurati della V edizione del premio Gruppo dello Zuccherificio per il giornalismo d’inchiesta si sono incontrati a Bologna, ospiti del collettivo Làbas.

La scelta tra le inchieste è stata difficile, i graffi a istituzioni, criminalità organizzata sono praticamente parte integrante di quasi tutte le inchieste, e molti hanno lasciato il segno: siamo orgogliosi dei nostri concorrenti. I premio assegnati sono tre, ma le inchiesti meritevoli di una menzione sarebbero molte di più, la scelta è andata sulle seguenti:

Primo premio
Floriana Bulfon “Pedofili impuniti, quei bambini senza giustizia per un vuoto legislativo

Secondo premio
Emanuela Zuccalà “Mutilazioni genitali, una barbarie per 125 milioni di donne”

Terzo premio
Rosy Battaglia “L’inquinamento uccide i nostri figli: le denunce delle mamme d’Italia”

Tra i tanti lavori ricevuti, ce n’è uno che ha attirato l’attenzione di tutti i membri della giuria e che è stato ritenuto meritevole di una menzione speciale. Si tratta di Abdoul Kone con “L’estate in cui ho scoperto di non avere diritti”.

Nei prossimi giorni pubblicheremo le motivazioni. La premiazione avverrà il 18 Settembre 2016 durante l’Ottava edizione del Grido della Farfalla, festival dell’informazione libera, a Ravenna.


2 thoughts on “I vincitori del V premio “Gruppo dello Zuccherificio per il giornalismo d’inchiesta”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...