Se un giornalista e un musicista portano in scena l’Italia virtuosa*

*Pubblicato su Ravenna&Dintorni (qui la versione sfogliabile online e qui pdf da scaricare)

Per oltre tre anni il giornalista e scrittore Daniel Tarozzi ha girato in camper tutte le regioni d’Italia, incontrando oltre 400 realtà incredibili e meravigliose, dall’imprenditore al giovane decrescente, dall’attivista al contadino, dalla casalinga al manager, dall’ecologista allo scollocato, dai movimenti di difesa del territorio ai gruppi di acquisto solidale, dalla permacultura ai luoghi in mano alla mafia che sono stati liberati. Persone che di fronte a un problema non si chiedono se ma come: «Come posso fare a cambiare le cose». E ci riescono! Daniel Tarozzi le ha incontrate e le ha raccontate nel suo libro Io Faccio Così (Chiarelettere editore), continuando a raccontarle e a mapparle nel blog italiachecambia.org. Dall’incontro ad Eco Futuro 2015 di Daniel con il cantautore marchigiano Stefano Fucili (già collaboratore di Lucio Dalla) autore dell’album Vita Libera sui temi del risparmio energetico e delle “decrescita felice”, nasce l’idea di realizzare uno spettacolo per raccontare l’Italia che cambia. Lo spettacolo “La realtà è più avanti” andrà in scena venerdì 16 settembre alle 21 in Piazza Unità d’Italia a Ravenna.

italia-che-cambia-0744Daniel, cosa ti ha spinto 4 anni fa a cavalcare il tuo camper e a girare l’Italia in lungo e in largo per scoprire nuovi modi di vivere e lavorare?
«Dopo anni di giornalismo web dietro la “scrivania” sentivo l’esigenza di vedere cosa si nascondesse dietro alle tante etichette e movimenti di cui sentivo parlare. Decrescita felice, Economia solidale, Transition Town, Ecovillaggi, Permacultura, Addio Pizzo… Nomi meravigliosi, ma mi chiedevo: come vivrà davvero chi fa determinate scelte? L’Italia è davvero solo un Paese squallido e decadente come me lo rappresentano i mass media?»
Cosa hai trovato di inaspettato? Cosa ti ha emozionato di piú di questa esperienza?
«È stata una sorpresa continua. Quel primo viaggio (da allora, in realtà non mi sono mai più fermato) è durato sette mesi e sette giorni e girando tutte le regioni italiane ho potuto incontrare ovunque decine di progetti straordinari e funzionanti. Ho incontrato un’Italia che, seppur tra mille difficoltà, burocrazia, mafia, mancanza di denaro, crisi riesce a sognare l’impossibile e realizzarlo. Ci riesce grazie al coraggio di attivarsi e a decine di reti di persone straordinarie che affiancano e sostengono chi si mette in movimento. Da lì, quindi, i passi seguenti sono stati inevitabili: libro, documentario, giornale web, mappa, reti territoriali, reti tematiche. Con Italiachecambia.org oggi vogliamo raccontare, mappare e mettere in rete quel pezzo di paese che non si chiede “se”, ma “come” cambiare le cose concretamente. Stiamo quindi creando strumenti in grado di facilitare i processi di cambiamento positivo in atto nella società».

Come nasce lo spettacolo teatrale La realtà è più avanti? Perché usare il teatro per comunicare?
«A distanza di qualche anno, e dopo centinaia di presentazioni pubbliche, ho potuto realizzare – quasi per caso – il sogno di portare queste storie anche in teatro. Ovviamente non sono un attore, ma un giornalista. Sul palco, quindi, interpreto me stesso, ma il teatro – e gli straordinari compagni di viaggio con cui condivido questa esperienza – permettono di raggiungere un pubblico ampio e diverso dal solito e di toccarlo nel cuore oltre che nella testa».
Stefano, come ti ha tirato dentro a questo progetto Daniel? 
«A dire il vero all’inizio sono stato io a chiedere a Daniel di poter inserire nella copertina del mio album del 2014 Vita Libera, dedicato ai temi della decrescita felice, il logo di Italia Che Cambia. Poi lui mi ha invitato nel 2015 a cantare qualche pezzo alla Festa di Italia che cambia ad Alcatraz il centro culturale di Jacopo Fo in Umbria e da mi ha chiesto di collaborare per cercare di creare uno spettacolo d’inchiesta, musicale e teatrale sul suo meraviglioso viaggio attraverso la bella Italia virtuosa. Per completare il progetto ho pensato di coinvolgere l’attore e regista teatrale Fabrizio Bartolucci e il chitarrista Tommaso Baldini».
Come si sviluppa la spettacolo?
«Con Fabrizio Bartolucci, regista dello spettacolo, abbiamo cercato di mescolare tra loro tre differenti linguaggi, il racconto giornalistico di Daniel con il suo viaggio alla scoperta delle realtà virtuose (dall’imprenditore al giovane decrescente, dall’attivista al contadino, dalla casalinga al manager, dall’ecologista allo scollocato, dai movimenti di difesa del territorio ai gruppi di acquisto solidale, dalla permacultura ai luoghi in mano alla mafia che sono stati liberati), le mie canzoni che trattano i temi toccati da Daniel a volte in maniera leggera a volte più profonda, alcune estratte da Vita Libera altre composte per lo spettacolo e il teatro con testi ispirati a Dante, Epicuro, Silvano Agosti, Gaber, Lucio Dalla. Il percorso narrativo è arricchito da contributi video realizzati da Daniel durante il suo viaggio».
Stefano e Daniel, cosa vi piacerebbe si portasse a casa lo spettatore di Ravenna il 16 settembre, dopo aver visto La realtà è più avanti?
(Stefano): «L’idea reale che ci sono quasi 8 milioni di italiani che in modi diversi si stanno muovendo verso una direzione di cambiamento concreto per un paese e un mondo più bello fatto di solidarietà, collaborazione, riscoperta dei valori più veri ed essenziali, indipendenza dal potere economico e politico, insomma mi piacerebbe che questo spettacolo portasse speranza e voglia di fare».
(Daniel); «La voglia di attivarsi subito, la sera stessa, per realizzare finalmente il proprio sogno. Consapevoli che si può fare. Si può fare veramente. Adesso. Qui».

 Paola  Resta


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...