Chi siamo

Dopo una lunga discussione e vari incontri, i componenti dell’associazione culturale “Gruppo Dello Zuccherificio” considerano terminata un’epoca nella quale hanno criticato sottovoce le decisioni politiche e sociali e decidono di rendere la propria valutazione degli eventi consapevole, obbiettiva e costruttiva.
Un’analisi più critica e che sta prendendo sempre più piede in Italia, ci ha permesso di osservare che la struttura e l’influenza della democrazia italiana è quotidianamente elusa, messa in discussione ed attaccata. La mancanza d’informazione è secondo noi il mezzo principale e la prova più evidente di una situazione di immobilismo, arroganza e illegalità che è giunta ad un livello di tolleranza insopportabile.
Se prima della nascita del GDZ tra di noi aleggiava soltanto un senso di sconforto, ora siamo giunti alla causa di questo stato d’animo: la facilità con cui veniamo quotidianamente elusi con tecniche propagandistiche e verità nascoste e/o dimenticate. L’utilizzo a fini personali e non pubblici dello Stato italiano, delle sue risorse ed energie è sotto l’occhio di tutti, ma è una vista resa miope da mezzi d’informazione inappropriati (come quello pubblico), soggiogati ad interessi politici o in molti casi, censurati.
Il nostro senso di sconforto è soprattutto frutto di una situazione di disinformazione diffusa che permette a chi governa il paese di fare sempre il bello ed il cattivo tempo. Il senso di sconforto si è poi trasformato in impotenza e rabbia, le stesse sensazioni condivise da molte persone oggi in Italia. E’ giunto il momento di fare qualcosa.

Quello che l’Associazione si propone è di eliminare l’impotenza di chi non è solo chiamato a eleggere i propri rappresentanti ma anche a valutarli per il loro operato, di rendere completa la democrazia.

Ci proponiamo quindi di denunciare, informandoci direttamente sui fatti da fonti non filtrate, gli attacchi alla nostra democrazia, gli abusi di potere e le restrizioni delle nostre libertà di cittadini. Informandosi ed informando diventeremo più consapevoli della realtà che ci circonda e di conseguenza, di ciò che i nostri occhi prima non potevano vedere. Il nostro intento è quello di conoscere, ma anche quello di “cercare altre persone che conoscono” uscendo da un’insofferenza generalizzata e distinguendoci da chi “legge il giornale prende la prima pagina ed il titolo e basta”.

Gruppo dello Zuccherificio

9 thoughts on “Chi siamo

  1. Ciao mi chiamo Fabio e sono di Massa Lombarda, non sono riuscito a capire se fate incontri per discutere, se sono aperti, dove e quando.
    Mi piacerebbe poter ascoltare le vostre discussioni visto che sono ignorante, essere messo un pò più al corrente dei fatti.
    Spero riusciate a rispondermi. Grazie comunque e complimenti per le 3 serate che avete organizzato a Fusignano.

    1. Ciao Fabio, sono Massimo, uno dei ragazzi del GDZ.
      Noi ci troviamo il lunedi sera a Conventello, a 5 km da Alfonsine. Ora ci sono le vacanze e ad agosto è difficile organizzare gli incontri settimanali. Quindi rimaniamo d’accordo di sentirci a fine agosto cosi che da settembre tu possa venire qualche volta ai nostri incontri.
      I contatti (anche il cell) li trovi sia sul sito sia sugli eventi che postiamo su fb.
      A presto…
      Massimo – GDZ-

  2. ero a Bagnacavallo alla festa del pd, vi ho ascoltato con attenzione, peccato per la pioggia che ha rovinato tutto.In quella festa dove non si percepiva nulla di politico nel senso ampio del termine voi siete stati la sola voce importante, attiva, dissonante.complimenti

  3. Complimenti per il vostro impegno, vi segnalerò tra i miei amici, anche se purtroppo vista la pesantezza della situazione italianaimmagino che loro abbiano più che altro bisogno di leggerezza…
    Da insegnante di scuola superiore ho visto più volte con i ragazzi un video sull’ immigrazione che ho scoperto grazie a voi. A presto.

    Andrea

  4. Salve!! Sono un’ex stagionale saccarifero, ho lavorato in diversi zuccherifici, ma molti anni fa, mi piacerebbe confrontare le varie esperienze. Ora vado su fb a vedere se vi trovo, ciao

  5. Ho lo zuccherificio nel mio gene e nel mio cuore, perché il nonno lavorava in quello di Mezzano tra la guerra e il dopo guerra. Invece io da stagionale ho conosciuto il mitologico Zuccherificio di Classe. Era sul finire degli anni 70, giovanissima, am so godu la faza.

  6. Ciao, sono un romagnolo da alcuni anni trapiantato in provincia di Catania, non vi conoscevo ma ho visto la vostra adesione a Meridionews per la sosta del fercolo di Sant’Agata a Catania nei pressi della casa di un noto mafioso, grazie perchè a Catania è pieno di gente come i ragazzi di Meridionews che lotta contro l’ingiustizia mafiosa e serve tutto il sostegno possibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...